Questo sito rilascia cookies tecnici per consentirne il funzionamento, oltre a cookies, anche di terza parte, di 'analytics' per fare statistiche sul traffico ed attivare il miglioramento. Cliccando su "Conferma Scelte", acconsenti all’uso dei cookies qui sotto proposti o da te selezionati. Cliccando su "Accetta tutti i cookies" li abiliti tutti. Per saperne di più

10 FEBBRAIO - GIORNO DEL RICORDO

Nel periodo del giorno del ricordo, il 10 febbraio, torniamo a parlare di foibe. Ma cosa sono? Perché le ricordiamo e cosa è successo? Le foibe sono delle grandi caverne verticali tipiche della regione carsica del Friuli Venezia Giulia e dell’Istria. Tuttavia, con il passare del tempo, il termine foibe è divenuto sinonimo dei massacri subiti dai cittadini italiani tra il 1943 e il 1947 da parte dei partigiani jugoslavi. Questi massacri si verificarono subito dopo la conclusione della Seconda Guerra mondiale e hanno lasciato una traccia indelebile nella nostra storia. Per questo motivo, ogni anno ricordiamo le foibe e commemoriamo le persone che hanno perso la vita durante quei terribili eventi.

Quella degli eccidi delle foibe è una storia dai connotati tragici, a lungo rimasta nel silenzio e solo negli ultimi anni portata alla luce. Per commemorare le vittime dei massacri delle foibe, nel 2005 è stato istituito il Giorno del Ricordo, giornata commemorativa che si celebra ogni anno il 10 febbraio.